Torna al Blog

Come fare per ristrutturare una scala

Categories Ristrutturazioni

Le scale interne, sono importanti elementi architettonici, che non solo hanno la ben precisa funzione di collegare tra loro due o più livelli di una stessa abitazione, ma che, volenti o nolenti, rivestono anche un ruolo estetico, quasi coreografico, come se si trattasse di elementi d’arredo, peraltro piuttosto vistosi e voluminosi, che dunque difficilmente passano inosservati!

Chiaramente molto dipende dalla posizione in cui si trovano, dalla loro ampiezza, dalla loro conformazione, dallo stile, dal tipo di struttura che le caratterizza e dal materiale con cui sono fatte, ma le scale possono essere tutto ed il contrario di tutto! Una scala può essere leggera ed eterea o al contrario massiccia ed imponente; compatta e a chiocciola, o lineare e diritta, o ancora ampia e con pianerottoli; in vetro completamente trasparente, oppure in ferro, in legno o in cemento armato… è ovvio che a seconda dei casi l’impatto sarà completamente diverso!  Le possibilità sono davvero infinite, tutto sta nell’effetto che si desidera ottenere, certo è che una scala, all’interno di un’abitazione, non va mai considerata soltamente alla stregua di un semplice luogo di transito o di collegamento.

Per questo motivo, soprattutto quando si decide di ristrutturare la propria casa, non ci si può esimere dal pensare di ristrutturare anche le scale o addirittura di demolire quella esistente per sostituirla con una struttura, magari di tipo completamente differente, anche come posizione e sviluppo, oppure identica dimensionalmente, ma diversa sotto il profilo costruttivo e dei materiali. Molte volte, poi, si sceglie di intervenire proprio solo sulle scale ed anche in questo caso le motivazioni che possono spingerci a farlo sono mollteplici, così come innumerevoli sono i gradi e le possibilità di azione.

Vediamo dunque, oggi, di capire insieme, innanzitutto per quale motivo solitamente si decide di ristrutturare o rifare le scale della propria casa, per poi passare rapidamente in rassegna le modalità possibili di intervento e darvi infine qualche piccola dritta perché tutto risulti davvero perfetto, di sicuro effetto ed impeccabile!

Prima di andare avanti, potrebbe esserti utile scaricare il primo capitolo del mio libro che parla di Investimenti Immobiliari:  clicca qui ➡ Miracoli Immobiliari, impara a farli a Pisa. 

16 Come fare per ristrutturare una scala

Ristrutturare le scale: perché?

Innanzitutto bisogna capire per quale motivo si decide di ristrutturare una scala. Le motivazioni possono essere le più disparate e ovviamente si dovrà poi agire in maniera differente caso per caso.

L’eventualità più semplice è quella in cui ci si trova dinnanzi ad una ristrutturazione totale della propria casa; in questi frangenti qualora l’abitazione si sviluppi su due differenti livelli al suo interno vi è sempre una scala che li collega e rimettendo mano a tutto anche questa andrà rivista. Potrebbe essere sufficiente ripensare le finiture, cambiando il rivestimento ed i parapetti; oppure nell’ottica di una nuova disposizione degli ambienti potrebbe essere più conveniente sostituire la vecchia scala con una nuova, che potrebbe differenziarsi dall’esistente in vario modo, tanto da poter trovare perfino un diversa collocazione, con uno sviluppo alternativo al precedente.

In molti casi, poi, si decide di ristrutturare una scala perchè oramai risulta compromessa nella sua funzionalità dal passare del tempo: questo può accadere soprattutto alle scale realizzate con strutture leggere, come il ferro o il legno. Dopo un po’ di anni possono iniziare a traballare, scricchiolare, o semplicemente finiscono per essere non più gradevoli da vedere, oppure oggi non rientrano più nelle nostre corde e desideriamo qualcosa di stilisticamente diverso, caratterizzato da colori, dettagli, finiture e materiali, in poche parole sono vecchie ed hanno fatto il loro tempo per questo ci piacerebbe sostituirle!

Sovente, infatti, si decide più che di ristrutturare una scala nel vero senso della parola, di sostituirla con una che sia completamente differente dalla precedente, non solo in quanto a tipologia costruttiva, ma anche nell’ampiezza, nelle dimensioni e nello sviluppo, sia in pianta che in alzato. In questo frangente le motivazioni che ci spingono ad agire possono essere innumerevoli. Al primo posto troviamo la sicurezza e la praticità d’uso. Accade spesso che, dopo un po’ di anni, con il passare del tempo, ci si renda conto che la scaletta a chiocciola che inizialmente avevamo ritenuto sufficiente, è in realtà non solo scomodissima, ma anche pericolosa, specie se in casa fanno la loro comparsa bambini, anziani, o persone con ridotta mobilità. In questi frangenti bisogna completamente ripensare non solo la scala, ma anche tutto l’ambiente che la circonda perché creare una salita più agevole e spaziosa significa dover occupare più spazio.

Di fronte alla decisione di cambiare la scala interna alla propria casa però può esserci anche un intento unicamente estetico: a volte un restiling serve, anche psicologicamente!

MG_3535 Come fare per ristrutturare una scala

Ristrutturare una scala può voler dire molte cose differenti

Ecco che allora, comprese le motivazioni che ci spingono a ristrutturare la scala della nostra abitazione, in seconda battuta, ci troviamo a dovere decidere in che misura vogliamo intervenire. Sì, perché ristrutturare delle scale, come abbiamo già visto, può voler dire molte cose diverse, vediamo di capire assieme quanto “pesante” vuole essere il restiling che abbiamo in mente e se solo di quello si tratta, o se invece pensiamo a qualcosa di davvero più radicale.

Si parte innanzitutto dall’analisi del tipo di struttura che caratterizza la nostra attuale scala, ovvero quella su cui desideriamo intervenire. Molto diverso è il caso in cui ci si trovi a fare i conti con una vecchia scaletta a chiocchiola, realizzata in ferro o in legno, oramai un po’ traballante e precaria, magari sciupata anche visivamente dal passare degli anni, e quello in cui ci si trovi di fronte ad una scala realizzata in cemento armato e gettata in opera. Nel primo caso la rimozione è piuttosto semplice ed indolore, mentre nel secondo caso pensare ad una demolizione totale per un cambio radicale è decisamente cosa più impegnativa, sia in termini di entità dei lavori che di costi e disagi da sostenere.

Ad ogni modo, se ci si accontenta, si può sempre cercare di prevedere un intervento minimo, anche per ridurre le spese, che ripristini la funzionalità originaria della scala, che oramai risulta compromessa dai molti anni di onorato servizio, anche se, ad onor del vero per le strutture leggere è forse quasi più semplice andare a sostituire integralmente la scala con una nuova. Se si vogliono contenere i disagi e si replica (almeno nello sviluppo e nelle dimensioni) la scala esistente, magari optando per materiali, finiture e colorazioni decisamente diverse, anche se all’inizio potrebbe non apparirvi un cambiamento sufficiente, non crediate: basta a darvi la possibilità di mutare completamente l’aspetto di tutto l’ambiente in cui la scala è inserita, a cose fatte ve ne renderete conto!

Una volta che, ad esempio, avrete sostiuito la vostra vecchia scala in legno con una decisamente più moderna, completamente realizzata in vetro con tirantini in acciaio al posto dei vecchi massicci parapetti, vi stupirete di come non riconoscerete più tutto l’ambiente in cui la scala è inserita, perché l’impatto è decisamente diverso ed è proprio questo che dovete capire: che impatto desideriate abbia la vostra struttura! Oggi poi le possibilità sono infinite, non c’è che l’imbarazzo della scelta!

Certo è che, anche le scale in muratura, con il tempo, proprio in virtù dell’utilizzo frequente e continuo che di esse si può fare all’interno di una casa, possono manifestare particolari segni d’usura, specie nel rivestimento di scalini e pianerottoli. Anche in questo caso bisogna precisare che molto dipende dal materiale impiegato e poi che quest’usura non avviene mai con la medesima intensità su tutti gli scalini ed è differente a seconda della porzione di ogni gradino che si va considerando, in quanto generalmente una scala viene percorsa, sempre preferibilmente lungo una stessa linea detta di camminamento, che rispetto alla larghezza utile della stessa è disposta centralmente. Sono sempre, duqnue, le parti centrali dei gradini ed in particolar modo delle pedate, quelle che risultano consumarsi di più nel tempo e questo in alcuni frangenti oltre ad un danno estetico, può causare un potenziale rischio per la sicurezza di chi percorre la scala ogni giorno, più volte al giorno!

In questi frangenti, qualora l’usura sia limitata unicamente ad alcuni scalini, in particolare è anche possibile pensare di riuscire a recuperare del materiale identico a quello di cui sono rivestiti (magari avete già delle scorte in cantina!) ed effettuare soltanto delle riparazioni localizzate.
Quando invece il grado di usura delle pedate sia diffuso e notevole è bene iniziare a prendere in seria considerazione l’ipotesi di rimuovere completamente il vecchio rivestimento per sostituirlo con uno nuovo. Anche qui si può sostituire un rivestimento in legno con un altro sempre in legno, uno in cotto, con uno in cotto ed uno in pietra con uno in pietra, ma si può anche decidere di inserire qualcosa di complemente diverso. Un’idea pratica, moderna e di semplice realizzazione, dal grande impatto scenico ed al contempo durevole e pratica è quella di utilizzare la resina, che a seconda della finitura scelta vi permetterà di ottenere gli effetti più disparati, peraltro consentendovi un grado di personalizzazione senza eguali.

In questi casi, normalmente si decide di rivestire tutta la superficie della scala: non solo le pedate bensì anche le alzate, a dare un un effetto di continuità e uniformità. La resina è estremamente versatile, si può scegliere fra colori, effetti, textures e gradi di lucidatura e spatolatura più disparati, senza contare che ha l’indubbio vantaggio di non presentare fughe e di essere dunque estremamente igienica, facilmente lavabile e piuttosto resistente. Con la resina, poi, volendo rinnovare un pò tutto l’ambiente la stessa finitura che si usa per la scala può essere anche replicata per rivestire i pavimenti circostanti, oppure può ricoprire almeno in parte le pareti, creando effetti e suggestioni particolari.

Quando si tratta di scegliere ex novo una struttura autoportante per sostituire quella della vecchia scala, le cose si complicano non poco, perché oggi ci sono davvero tantissime alternative, tutte davvero bellissime ed accattivanti. Ci sono scale che in realtà sono formate da semplici mensole incastrate a muro; scale completamente vetrate che sembrano scomparire nel nulla; scale in acciaio decisamente hi-tech, ma non mancano anche modelli più romantici in legno o in ferro battuto, dall’aria più tradizionale.

Anche per quel che concerne le linee ci sono modelli più rigorosi e geometrici ed altri più morbidi e sinuosi; taluni sono davvero minimal ed essenziali ed altri invece più imponenti e pesanti. Non ci sono davvero limiti alla fantasia, se non quelli dettati dal budget che avete a diposizione!

Un ultimo tocco per rendere davvero perfette le vostre scale

Ora che abbiamo compreso a pieno come la presenza di una scala, e soprattutto la scelta di una tipologia di scala piuttosto che di un’altra, sia in grado di modificare radicalmente l’aspetto di un ambiente, vediamo come è possibile, renderla davvero perfetta sotto ogni punto di vista.

Anche per le scale, così come accade per ogni altra cosa, ciò che fa la differenza spesso sono i dettagli! Tra questi indubbiamente spiccano i parapetti e l’illuminazione.

La scelta dei parapetti in parte va di pari passo con quella non solo della struttura, ma anche dei materiali che la caratterizzano; ciò non toglie che una stessa scala, ad esempio vetrata, con un parapetto anch’esso in vetro, piuttosto che in acciaio o ancora addirittura senza parapetto faccia un’impressione totalmente diversa. È una questione che riguarda molto lo stile ed il gusto personale, ma fate attenzione perché si riflette anche sulla praticità d’uso e sulla sicurezza, per cui, specie nel caso in cui in casa abbiate bambini piccoli o animali, non pensate unicamente all’estetica, ma anche a tutto il resto!

Anche per quanto concerne l’illuminazione, questa si rivela determinante non solo per esaltare le forme e le geometrie della struttura, mettendone in risalto pregi e peculiarità e creando l’atmosfera ideale, ma anche per ragioni di sicurezza.

Le scale infatti, potenzialmente, possono rappresentare un pericolo, specie per bambini ed anziani, ma un pó per tutti, specie se si affrontano la salita, o ancor peggio la discesa, in tutta fretta o con poca accortezza.  Sono diversi gli elementi che possono contribuire a incrementare la pericolosità delle scale, dall’altezza dei gradini, alle ristrettezze della pedata, fino alla scivolosità delle superfici, o alla presenza di eventuali oggetti lasciati in giro incautamente. Anche un’errata illuminazione però può ingannare l’occhio ed essere causa di incidenti, pertanto, specie nel caso in cui non abbiate a che fare con una scala dalla struttura aperta e ben illuminata naturalmente, lo studio dell’illuminazone artificiale riveste un’importanza fondamentale.

A seconda del tipo di scala prescelta e di struttura che la caratterizza, ma anche dell’effetto visivo che si desidera ottenere, si potrà decidere di collocare le luci a parete, a soffitto, oppure, come va molto di moda oggi, direttamente su ogni singolo gradino. Anche di lampade segnapasso, come si chiamano quelle appositamente create per illuminare in modo puntuale ogni “passo”, accompagnando la salita, oggi ce ne sono innumerevoli modelli. Lo studio dell’illuminazione, però, non è cosa semplice e necessita di esperti per essere effetuato in maniera perfetta ed accurata, anche perché i parametri che influenzano la scelta sono molteplici e non ci si può esimere dal considerare anche il contesto in cui ci si trova e lo stile che caratterizza la nostra casa.

Se sei arrivato fin qua, potrebbe esserti utile scaricare il primo capitolo del mio libro che parla di Investimenti Immobiliari:
clicca qui ➡ Miracoli Immobiliari, impara a farli a Pisa. 

16 Come fare per ristrutturare una scala

 

Spero che anche questa volta i nostri consigli ed i nostri spunti vi siano utili.

In tutti i casi ricordatevi che io e la mia squadra di esperti siamo a vostra completa disposizione. Se state pensando di ristruturare la vostra casa e/o le vostre scale e desiderate una consulenza in merito, non esitate a contattarci.

Per ora ci congediamo, come consuetudine, augurando buona casa a tutti voi!

 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *