Torna al Blog

come ottenere il SUPERBONUS 110% Casa a Pisa.

Categories Ristrutturazioni

Negli ultimi mesi, nel mondo dell’edilizia (e non solo) non si fa altro che parlare del cosiddetto SuperBonus o Bonus 110%.

Quello che fin da subito ha attirato l’attenzione di tutti gli italiani è stata proprio l’aliquota proposta, nettamente superiore al classico 50% dedicato da diversi anni alle ristrutturazioni e ben lungi anche dall’allettante Ecobonus, che all’apice del suo “splendore” ha raggiunto il tetto del 65%. Altra cosa decisamente interessante di questo nuovo e tanto decantato sgravio fiscale previsto dal Decreto Rilancio sono i tempi di rientro, che non solo vengono dimezzati rispetto agli altri incentivi in essere (cinque anni contro i classici 10), ma che contemplano anche la possibilità generalizzata di ottenere uno sconto diretto in fattura o di cedere interamente il credito.

Sulla carta, dunque, sembra davvero un buon affare: si risistema casa, migliorandone le performance ed aumentandone il comfort, non solo senza spendere nulla: c’è addirittura quel 10% di margine di profitto che fa sembrare tutto una favola!

In realtà, non è proprio così semplice come potrebbe sembrare e non si tratta neppure di un’opportunità per tutti. Chiaramente, se uno decide di pagare di tasca propria i lavori, nei 5 anni successivi recupererà per ogni anno un quinto di quanto speso, ottenendo alla fine il 10% in più di quanto investito nelle migliorie. Per far ciò, però, i soldi bisogna averli in tasca! Ecco, dunque, che l’interesse dei più si concretizza proprio nella possibilità di cedere il proprio credito a chi realizza i lavori, con lo sconto diretto in fattura, oppure ad un ente terzo (normalmente un istituto di credito), in modo tale da non tirar fuori di tasca neppure un euro, o quasi, e trovarsi con una casa rinnovata a costo zero.

Esulando da tutti i problemi tecnici, così come da quelli più squisitamente economici e burocratici legati al SuperBonus, di cui ci occuperemo di certo prossimamente con una serie di articoli ad hoc, in modo da dirimere tutte le vostre perplessità più specificatamente legate alle diverse questioni che riguardano gli interventi ammessi e le modalità di esecuzione degli stessi, oggi vogliamo fornirvi la NOSTRA personale SOLUZIONE.

Francesco Martinelli casa, assieme ad uno dei suoi partner storici Casarosa Ida srl, ha infatti creato una nuova società ad hoc il cui nome parla da solo: RISTRUTTUROPISA110. Abbiamo pensato per Pisa e provincia ad una proposta CHIAVI IN MANO che vi permetta di sfruttare al meglio l’opportunità offerta dal Super BONUS 110, senza pensieri e a costo praticamente nullo. Vediamo nel dettaglio di che si tratta.

 

LOGO-RGB-TRASP come ottenere il SUPERBONUS 110% Casa a Pisa.

Come nasce il Superbonus 110%

Dopo una lunga attesa, il 13 maggio 2020, verso l’ora di cena, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ha tenuto una conferenza stampa a Palazzo Chigi, alla presenza dei Ministri Roberto Gualtieri (Economia e Finanze), Roberto Speranza (Salute), Stefano Patuanelli (Sviluppo Economico), Teresa Bellanova (Politiche Agricole Alimentari e Forestali) proprio allo scopo di presentare agli italiani il cosiddetto Decreto Rilancio. Quello che avrebbe dovuto essere il “Decreto Aprile” ha tardato ad arrivare e di conseguenza ha cambiato nome. D’altro canto si è trattato, per stessa ammissione di Conte, di “un testo complesso” contenente oltre 250 articoli, che per tentare di risollevare il Paese hanno messo in campo 55 miliardi di euro (somma che è stata dichiarata pari a quella di due leggi di bilancio).

Senza entrare nel merito delle varie misure urgenti varate in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, faremo un breve cenno all’analisi del Titolo VI del Decreto Rilancio, interamente dedicato alle cosiddette Misure Fiscali, all’interno delle quali hanno trovato posto anche tutte le novità riguardanti gli sgravi e le agevolazioni legate agli immobili e ai cosiddetti Ecobonus, Sismabonus e Fotovoltaico.

In realtà già settimane prima dell’entrata in vigore del Decreto Rilancio, si rincorrevano voci circa importanti incentivi fiscali che sarebbero dovuti servire a rilanciare il settore edile messo in ginocchio da questa crisi, ventilando da subito l’ipotesi di aliquote addirittura superiori al 100%. È ovvio che l’idea di poter intervenire migliorando la propria abitazione e recuperando addirittura più di quanto speso ha da subito suscitato l’interesse di moltissime persone.

Quello che oramai tutti chiamano Superbonus ha fin da subito soddisfatto, almeno sulla carta, le aspettative degli italiani incrementato al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, a fronte di specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi di riduzione del rischio sismico, di installazione di impianti fotovoltaici nonché delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Attenzione, però, perché se è vero che nel decreto compare chiaramente un’aliquota pari al 110%, peraltro con tempi di recupero dimezzati rispetto a quanto non avvenisse sin ora (cinque anni), con la possibilità generalizzata di optare, in luogo della fruizione diretta della detrazione, per un contributo anticipato sotto forma di sconto in fattura dai fornitori dei beni o servizi o, in alternativa, per la cessione del credito a terzi corrispondente all’intera detrazione spettante, va detto che non sempre questo è possibile. Ciò accade solo a patto che l’edificio in oggetto ed anche l’intervento previsto soddisfino determinati requisiti ed inoltre che alla fine dei lavori si raggiungano certe prestazioni energetiche e queste siano verificate e validate.

premier-giuseppe-conte-1-1024x683 come ottenere il SUPERBONUS 110% Casa a Pisa.

Come funziona RISTRUTTUROPISA110 srl

Chi ci conosce e ci segue lo sa molto bene: la casa per noi è una missione, così come lo è riqualificare la nostra città, Pisa, e la nostra provincia con interventi immobiliari, che allo stesso tempo regalino ai nostri clienti l’abitazione dei loro sogni e ai nostri investitori e partners dei buoni profitti.

Proprio perché la casa è da sempre il nostro unico obiettivo, in questo preciso momento storico, ci è sembrato doveroso indirizzare nuove energie in quella che al momento sembra essere l’opportunità migliore per poter riqualificare il patrimonio edilizio esistente.

Anche a fronte delle tante richieste di informazione pervenuteci in merito al cosiddetto SuperBonus, abbiamo così deciso, assieme a Casarosa Ida srl, proprietaria dell’omonimo magazzino edile e showroom con cui già collaboriamo proficuamente da anni per la realizzazione di tutti i nostri interventi, di costituire una società ad hoc, proprio finalizzata a rendere più facilmente accessibile il nuovo incentivo per l’utente finale.

Se sulla carta, infatti, l’idea di poter migliorare la propria abitazione rendendola non solo più bella, ma anche più confortevole, più performante e meno energivora e dunque in ultima analisi di aumentarne anche il valore effettivo qualora poi si desiderasse metterla sul mercato, alletta un po’ tutti, non è tutto così semplice e così scontato come talvolta viene pubblicizzato.

Basta, infatti, immergersi anche superficialmente nella lettura della guida Enea dedicata al Superbonus per capire che le implicazioni e le complicazioni sono molteplici su tutti i fronti: a partire da quello più squisitamente tecnico, fino a quello economico.

La nostra idea è proprio quella di venire incontro ai nostri concittadini che desiderano sfruttare quest’occasione nel migliore dei modi, ma che al contempo non hanno nessuna voglia di impazzire addentrandosi nella burocrazia e tentando di dirimere in piena autonomia tutte le questioni che è necessario affrontare e per le quali è bene essere ben preparati, per evitare di perdere mesi e mesi di tempo, spendendo un sacco di energie per poi scoprire che non se ne può fare nulla.

Per non essere risucchiati nel vortice di banche, tecnici, imprese e fornitori potete affidarvi a RISTRUTTUROPISA110. Questa nuova società, forte dell’avere una squadra già ben collaudata alle spalle e di poter contare su rapporti consolidati, si propone come GENERAL CONTRACTOR LOCALE, eliminando di fatto tutte le problematiche connesse allo sfruttamento del Superbonus, che effettivamente, in molti casi, creano perplessità e necessitano di continui approfondimenti anche da parte di chi è del mestiere, figuriamoci poi per chi non lo è!

Banalmente, bisogna innanzitutto capire se l’edificio su cui si desidera intervenire soddisfa tutti i requisiti richiesti in termini di destinazioni d’uso, superfici e volumi disperdenti. A questa prima indagine conoscitiva e preliminare deve seguire un progetto ad hoc che assicuri (al 100%) di fare due salti di classe nella scala energetica, ma bisogna anche preparare un computo, utilizzando appositi prezziari e seguendo determinati criteri, distinguendo anche tra interventi trainati, trainanti e quelli invece accessori, che non possono essere ammessi al SuperBonus, ma che magari sono comunque indispensabili per portare a termine i lavori previsti.

Poi è necessario andare in banca, magari girando più di un istituto di credito, per riuscire ad ottenere un finanziamento ponte in attesa dell’effettiva cessione del credito, o meglio trovando quella banca che offra le condizioni più vantaggiose, perché è ovvio che nessuno lavora gratis e di quel famoso 110% una percentuale (variabile a seconda dei casi e delle banche) andrà a coprire le spese del prestito.

Infine, tenete ben presente che in un’operazione di questo tipo devono intervenire tutta una serie di soggetti: a partire dai tecnici (progettisti, direttore lavori, coordinatore della sicurezza, termotecnico, certificatori); passando per il commercialista che si occuperà della parte relativa alle procedure economiche e burocratiche; arrivando sino all’impresa o addirittura alle imprese che eseguiranno i lavori e i relativi fornitori. Tutte queste figure devono essere preparate e di fiducia e si devono coordinare perfettamente tra loro, collaborando proficuamente e sinergicamente per la buona riuscita del tutto.

Come ben saprete, Martinelli Casa opera da anni a Pisa: siamo una realtà solida, ben radicata nel territorio, capace di garantirvi grande esperienza e un’elevata professionalità nel campo. Il nostro team di esperti comprende già tutte le figure di cui abbiamo appena parlato e negli ultimi anni abbiamo sviluppato un’elevata professionalità sul campo ed una più che buona esperienza nell’ambito di interventi di riqualificazione immobiliare nella provincia pisana.

Per questo, con RistrutturoPisa110, acquisiremo il vostro credito e penseremo a tutto noi, dandovi la garanzia ulteriore di utilizzare artigiani e professionisti del posto, in modo tale che se un domani, disgraziatamente, dovessero mai esserci dei problemi, saremo lì pronti a sistemare tutto ciò che non va.

RistrutturoPisa110 acquisisce in toto l’appalto per fornirvi un lavoro cosiddetto “chiavi in mano”. Ci occuperemo di ogni cosa, di qualsiasi implicazione tecnica ed economica, realizzando direttamente gli interventi previsti e dando la possibilità al cliente dello “sconto in fattura”.

Ci rivolgiamo indistintamente ai proprietari di unità immobiliari indipendenti, bifamiliari, trifamiliari e anche ai condomini: l’importante è che l’edificio in questione soddisfi i requisiti imposti dalla normativa.

dilapidated-983952_960_720 come ottenere il SUPERBONUS 110% Casa a Pisa.

Perché scegliere RistrutturoPisa110 Srl?

I motivi per cui scegliere RistrutturoPisa110 sono più che mai semplici ed evidenti: affidandovi a noi non dovrete più pensare a nulla!

Non avrete a che fare con mille persone diverse, ma avrete un unico interlocutore il cui scopo primario è proprio quello di sollevarvi da ogni incombenza. Una volta affidatoci l’incarico dovrete pensare solo che a fine lavori potrete godervi una casa più bella e decisamente più performante, senza pressioni, né stress e soprattutto senza l’incognita di non sapere quanto si spenderà. Perché diciamo la verità quando si ristruttura, o nel momento in cui si affrontano anche solo dei lavori di manutenzione, seppur di piccola entità, la preoccupazione maggiore di tutti, quella che toglie il sonno è: “alla fine questo scherzetto quanto mi costerà?”. In questo caso, a parte un piccolo contributo iniziale per l’istruttoria di tutta la pratica, sfruttando nel modo corretto il SuperBonus, con il nostro aiuto, non spenderete proprio nulla!

La nostra presenza sul mercato di Pisa e dintorni e gli interventi già realizzati sul territorio parlano per noi: siamo capaci ed affidabili e meglio di qualunque altro interlocutore conosciamo e amiamo la nostra città e la sua Provincia. Ci siamo nati e cresciuti e ci viviamo quotidianamente, per cui per noi poterla migliorare, renderla più bella e più sostenibile è una missione in cui, oltre alle competenze tecniche e professionali, mettiamo sempre il cuore. Senza ombra di dubbio esistono diverse altre società che propongono un lavoro di questo tipo, ma nella maggior parte dei casi si tratta di grandi gruppi che operano indistintamente su tutto il territorio nazionale, senza specificità e con operatori esterni che si trovano ad interagire l’uno con l’altro per la prima volta.

Chiaramente, come abbiamo ben specificato all’inizio dell’articolo, le implicazioni e le complicazioni sono molte, soprattutto in ambito tecnico. A differenza di quanto ci si potrebbe aspettare  il SuperBonus non è per tutti, per poterne fruire è necessario soddisfare determinati requisiti di partenza ed allo stesso tempo essere in grado di garantire l’ottenimento del salto di due classi (energetiche o sismiche).

La prima cosa da capire, dunque, è proprio questa: l’immobile di mia proprietà potrebbe effettivamente rientrare tra quelli ammessi a goder di questo tipo di agevolazioni? In alcuni casi, per un tecnico è davvero palese l’impossibilità di determinati edifici, per un motivo o per l’altro, di rientrare tra le casistiche ammesse a godere del SuperBonus; ma ci sono moltissime situazioni in cui stabilire se e a che condizioni è possibile pensare al recupero del 110% non è per nulla immediato.

  • Per tale ragione abbiamo ideato un Protocollo Standard che invieremo a chiunque ce ne faccia richiesta. Dovrete compilarlo attentamente e restituircelo via mail, a info.RistrutturoPisa110@gmail.com, così che i nostri professionisti possano valutare se vi è effettivamente margine per pensare al SuperBonus. Le domande sono semplici riguardano il tipo di immobile su cui si desidera intervenire e gli interventi che si desidererebbe poter realizzare. In caso di valutazione positiva verrete ricontattati quanto prima per fissare un appuntamento e procedere con le verifiche più accurate.

Non vogliamo dilungarci oltre né sulla procedura da seguire, né su tutte le implicazioni che il SuperBonus porta con sé: avremo tempo di farlo con il nuovo anno. Quel che è certo è che, se avete pensato, anche una sola volta di poterne approfittare per migliorare la vostra abitazione, non dovete esitare a contattarci: RistrutturaPisa110 è proprio ciò che potrebbe fare al caso vostro.

Per avere altre informazioni sulle condizioni e le modalità con cui poter accedere alle agevolazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione ed efficientamento energetico, scriveteci o telefonateci. Nel frattempo, non ci resta, come di consueto, che augurarvi BUONA CASA e BUONE FESTE

Mentre vi riposate durante questo Natale un po’ “anomalo” fate un pensierino sulla nostra proposta, le feste del prossimo anno potreste trascorrerle in una casa rinnovata e decisamente più performante!